Più comfort, più spazio e più salute negli stabilimenti FIAT-CNH

//Più comfort, più spazio e più salute negli stabilimenti FIAT-CNH

Più comfort, più spazio e più salute negli stabilimenti FIAT-CNH

Rino Zarpellon è responsabile dell’ufficio impianti della Fiat CNH (fino a Giugno 2002 Fiat-Hitachi) di San Mauro Torinese e, in occasione del recente intervento eseguito nello stabilimento da CarliEuklima, ha lavorato per mesi a stretto contatto con l’azienda pordenonese. Una collaborazione nata per poter meglio evidenziare le problematiche e calibrare le giuste soluzioni sulla base delle reali esigenze della committenza. La commessa prevedeva l’installazione di un nuovo sistema di riscaldamento ad irraggiamento in tre capannoni estesi su una superficie di circa 60.000 metri quadri, sino a quel momento riscaldati da un obsoleto impianto a convezione, alimentato ad olio combustibile BTZ, basso tenore di zolfo.

“Il nostro obiettivo – esordisce Zarpellon – era di riqualificare l’impianto di riscaldamento. Quello che c’era rendeva poco e consumava molto, il continuo moto convettivo dell’aria riscaldata alzava le polveri  rendeva nociva la respirazione, il controllo sulle prestazioni e sui costi era molto approssimativo e lo spazio complessivamente occupato dai serbatoi, dai radiatori e dalla centrale termica era addirittura pari a 1600 metri quadri”.

La soluzione è venuta da CarliEuklima… “In effetti, con CarliEuklima l’intesa è stata ottima sin dai primi contatti. Dopo un’accurata fase di studio e un’attenta valutazione del progetto, abbiamo dato il via all’intervento. Gli specialisti CarliEuklima hanno anzitutto eliminato l’impianto preesistente liberando e riqualificando spazi utili. Poi, montata la rete di alimentazione a metano, hanno provveduto ad installare l’impianto a irraggiamento con 51 bruciatori modulanti, avviare il sistema e istruire il personale incaricato della gestione. Tutto nel giro di quattro mesi“.

Risultati?

“Veramente eccellenti e sotto ogni punto di vista. Principalmente c’è la possibilità di riscaldare velocemente le varie isole di lavoro programmando in anticipo temperature e turni. Poi l’aria è assolutamente ferma, le polveri rimangono a terra e l’ambiente è più salubre. Infine, come già detto, usiamo un combustibile pulito, abbiamo guadagnato un bel po’ di spazio utile, siamo in grado di gestire tramite computer tempi e consumi e abbiamo ridotto drasticamente i costi”.

Cioè?

“Tanto per cominciare oggi risparmiamo i trenta milioni di vecchie lire che prima spendevamo per le operazioni di pulizia. Poi per i lavori di emergenza con il nostro personale siamo passati dai 35 milioni di prima ai 15 di adesso. L’energia elettrica per il funzionamento dell’impianto prima ci costava oltre gli 82 milioni, ed ora, meno di 14. Last but not least la spesa per il combustibile che è passata da più di 2 miliardi a poco più di un miliardo l’anno. Quindi più comfort, più flessibilità e un vantaggio economico che supera nettamente il 50%. Prima di chiudere vorrei ancora aggiungere due importanti annotazioni: l’impianto a irraggiamento CarliEuklima ha ottenuto pareri molto favorevoli anche da parte delle organizzazioni sindacali ed è stato uno degli argomenti vincenti in fase di certificazione ambientale ISO 14000“.

2018-12-17T11:36:53+00:00|